Stampa

Fondazione italiana del Notariato

Il rent to buy di azienda consentirebbe al potenziale acquirente di subentrare subito nel godimento dei beni dell’azienda: inizialmente detti beni verranno condotti in affitto verso il pagamento di

un canone periodico (“rent”); successivamente, il conduttore ne diverrebbe proprietario ( “buy”) a un termine prefissato, mediante il pagamento del prezzo convenuto, dal quale verranno scomputati, in tutto o in parte, i canoni pagati in precedenza.

I vantaggi per chi intende comprare l’azienda sono:

Per chi vende, invece, i vantaggi sono:

Il contratto ha normalmente una fase triennale di affitto. In genere è previsto il versamento di una caparra pari al 25-30% del valore totale dell’operazione; l’accantonamento ai fini della cessione del 70% del canone mensile pagato, e l’operazione viene costruita in modo che il cessionario dovrà versare all’atto della cessione il rimanente 50%.